La volontà del testatore può desumersi da una missiva dattiloscritta?